stampa | chiudi

Il corno del Catria

Il corno del Catria - (sentiero 29)
"Gli affioramenti geologici e il regno dell'aquila"

E’ questa una delle escursioni più suggestive: un percorso interamente esposto che si snoda sulla roccia nuda, logorata ed erosa dalla millenaria erosione dell’acqua, affacciato sulla sottostante Gola del Corno. Il sentiero, indicato con il n.29, si imbocca sulla sinistra, appena dopo Valdorbia, sulla S.S. n.326 che da Scheggia conduce a Sassoferrato. Prima di intraprenderlo è consigliabile una sosta presso l’interessante sito geologico di Valdorbia. In questo luogo, infatti, la stratificazione geologica appare in tutta la sua bellezza, lasciando apparire le varie formazioni della serie umbro – marchigiana. Il paesaggio si presenta come un grande libro aperto che narra la storia che da 200 milioni di anni fa ad oggi ha portato, dapprima al depositarsi di vari strati carbonatici sul fondo marino, e successivamente al loro sollevamento. Particolare curiosità suscita la presenza di fossili come ammoniti, bivalvi, coralli. Valdorbia è anche il luogo dove visitare interessanti miniere, in disuso da circa 50 anni, accuratamente lavorate dall’uomo per chilometri all’interno della roccia al fine di ricavare marna da cemento.
Dopo questa sosta si può parcheggiare proprio all’ingresso del sentiero, che inizia circa 200 m più avanti, ed incominciare la “scalata” verso il Corno del Catria. Il primo tratto per circa 1 km si snoda con tornanti sinuosi che salgono in lieve pendenza fino a giungere a quota 657 m. Da qui si procede attraverso un crinale roccioso che, con elevata   pendenza ( circa 500 m in 1,5 km ), porta allo spettacolare anfiteatro roccioso che costituisce quello che è ben noto come Corno del Catria.
L’ascesa è decisamente difficoltosa e impegnativa e richiede un certo allenamento fisico, tuttavia l’impegno profuso viene ampiamente ricompensato dall'avvincente ed insolito panorama di cui si gode durante e al termine del percorso. L’ambiente che si attraversa è quello tipicamente rupestre e roccioso con vegetazione che vive abbarbicata su ammassi rocciosi o fra gli anfratti che si aprono tra una roccia e l’altra. Di particolare importanza si menziona la presenza dello scotano (Cotinus coggygria) e del bosso (Buxus sempervirens), mentre tra le rocce compaiono cespugli di artemisia (Artemisia vulgaris), eliantemo (Heliantemum nummularium), elicriso (Elycrisum italicum) insieme alla campanula (Campanula latifoglia) e al timo volgare (Timus vulgaris). Sulle stesse pareti vegetano la felce Ceterach officinalis e numerose sassifraghe che con le loro foglie carnose sono in grado di espellere il calcare che assorbono dal substrato, ben visibile nei margini bianchi della foglia.
Questo luogo aspro e scabro, con le sue scoscese pareti rocciose che strapiombano nella sottostante valle, è l’habitat ideale dell’aquila reale (Aquila chrysaetos), che qui sopravvive lontano dai rumori e dai fastidi generati dalla presenza umana. Con un po’ di fortuna si può osservare questo maestoso rapace diurno mentre sorveglia il suo nido e l’intera zona che senza dubbio possiamo considerare il suo regno.

Note geologiche La serie umbro-marchigiana
Tutte le rocce che affiorano nel territorio del Parco del M.Cucco sono di origine sedimentaria marina. La stratificazione più antica è il Calcare Massiccio, formato da carbonato di calcio estremamente puro depositatosi in banchi di notevole spessore. Grazie alla sua purezza risulta facilmente aggredibile dalle acque, permettendogli di penetrare in profondità e di originare spettacolari sistemi ipogei come la ben nota Grotta di M.Cucco. In seguito si è depositata la Corniola, abbastanza fratturata e pura, ma non quanto il Calcare Massiccio. Al di sopra si sono sedimentati il Rosso Ammonitico e il Diasprigno,  completamente impermeabili e di notevole spessore. Ancora più sopra  si trova il Calcare Maiolica, molto puro e ben fratturato, intercalato a strati di durissima selce. A questo segue la formazione delle Marne a Fucoidi, esigua per lo spessore ma di notevole importanza, infatti essendo completamente impermeabile permette la risalita di molte sorgenti come quella di Scirca. Per ultima si è depositata  tutta la serie della Scaglia con le varietà  Bianca, Rosata, Rossa e Cinerea. Questa successione degli strati, completa nella zona di Valdorbia, in alcuni casi manca di alcune stratificazioni (Serie Ridotta): al posto del Rosso Ammonitico, del Di asprigno e della Corniola vi è uno strato marnoso con notevoli quantità di argilla e magnesio detto Grigio Ammonitico.